IMAGE

Gianni Lettieri for President?

By redazione

Non c’è che dire, il Presidente del Consiglio ha gran fantasia. L’on. Silvio Berlusconi, a Napoli l’altro ieri, è in occasione dell’Assemblea degli industriali, lancia Gianni Lettieri, leader degli imprenditori partenopei, come candidato del centro destra a Sindaco di Napoli o Presidente della Regione Campania.
Quello di inseguire gli imprenditori campani per una candidatura in una delle Istituzioni democratiche è un pallino di Berlusconi. Ha già tentato la carta con Antonio D’Amato, in occasione delle scorse elezioni politiche, incassando un cortese rifiuto. E non ci sembra che Gianni Lettieri sia di migliore avviso. Ci chiediamo se poi quella degli imprenditori in politica sia sempre una carta vincente o se, invece, questa categoria che invero qui al Sud scarseggia non debba essere incoraggiata ad investire di più e meglio, con il proprio capitale di rischio.
La politica deve rendere consapevoli del loro ruolo le categorie produttive innestando un meccanismo virtuoso di azioni concrete: lotta senza quartiere alla camorra sotto qualsiasi veste si presenta; potenziamento delle infrastrutture, perché nel meridione sono da terzo mondo, sotto questo aspetto c’è una questione meridionale aperta come c’è una questione settentrionale nuova; investimenti nelle Università pubbliche, con una rendicondazione delle attività scientifiche che così si devono produrre senza clientela familiare, pena il declassamento ulteriore nei prossimi anni del Mezzogiorno; e, soprattutto, incentivi fiscali per le imprese con sede sociale nel mezzogiorno nelle aree del Sud ancora e senza mezzi termini depresse.
Ecco, questo ci attendiamo dal Presidente del Consiglio nelle sue venute a Napoli che, sotto questo segno, saranno benvenute.